Together
to success
from_1997_year
"INTECH_GmbH"
English(int.) Русский Deutsch English(USA) English Español Français Italiano Português 日本語 简体中文

Pompe turbomolecolari

È da oltre venti anni che l’azienda nel campo dell’ingegneria OOO «Intech GmbH» (ООО «Интех ГмбХ») svolge con successo la propria attività sul mercato russo collaborando con numerose imprese industriali locali. L’azienda, che vanta un’eccezionale esperienza maturata nel settore dell'ingegneria e gode di una buona fama sul mercato, ha realizzato presso gli stabilimenti russi oltre 100 progetti di notevole importanza. La nostra società è sempre alla ricerca di nuovi partner che siano interessati ad investire nel mercato russo, si prefiggano l'obiettivo di incrementare le vendite in quest'area, di ampliare la propria sfera di attività e di raggiungere un nuovo livello di internazionalizzazione.

Ci interessano produttori di pompe turbomolecolari che cerchino distributori ufficiali dei propri macchinari per le imprese industriali russe.

I dirigenti e i manager dell'azienda conoscono perfettamente il mercato russo, le disposizioni legislative, la mentalità dominante sul mercato, le caratteristiche particolari dell'attività economico-finanziaria della committenza russa. I nostri specialisti dispongono di un vasto database di clienti e hanno accumulato una grande e fruttuosa esperienza nel campo delle vendite. Inoltre, sono in continua comunicazione con i potenziali acquirenti delle vostre pompe turbomolecolari, il che ci permette di individuare le più promettenti direzioni per la promozione del business e di garantire in maniera operativa l'ingresso nel mercato russo, che è in via di espansione. Il nostro personale, con ottima padronanza dell'inglese e del tedesco, è orientato al mercato internazionale ed è specializzato nell'importazione delle macchine di produzione estera.

Il nostro team d'ingegneri esperti è in grado di risolvere i problemi tecnici più complessi e incontra regolarmente i clienti russi, svolgendo presentazioni sugli ultimi progressi dei nostri partner. Inoltre i nostri specialisti individuano i problemi tecnici restando costantemente in contatto con i diversi dipartimenti degli stabilimenti russi. Proprio per questo noi conosciamo bene le particolarità dello svolgimento dell'attività nella Federazione Russa, il parco macchine degli stabilimenti industriali e le più vive e prementi necessità nel campo dell’ammodernamento degli stessi.

Se diventeremo il vostro distributore di pompe turbomolecolari in Russia, il nostro ufficio di marketing condurrà un’analisi del mercato russo delle pompe turbomolecolari al fine di individuare le necessità delle imprese russe, valutare il potenziale e il volume del mercato, mentre il nostro ufficio IT procederà alla creazione del sito web in lingua russa per presentare i vostri prodotti. Gli specialisti della nostra azienda verificheranno conformità delle vostre pompe turbomolecolari ai requisiti degli utenti finali, analizzeranno la reazione del mercato ai prodotti nuovi in generale e realizzeranno uno studio delle diverse categorie di potenziali acquirenti per individuare quelli di maggiore rilevanza strategica.

Nel diventare il vostro distributore ufficiale per il mercato russo, la società OOO «Intech GmbH» (ООО «Интех ГмбХ») potrà provvedere, all'occorrenza, alla certificazione delle singole partite di macchinari e dei diversi tipi di pompe turbomolecolari secondo gli standard russi, e occuparsi dell’organizzazione delle perizie tecniche necessarie per ottenere i Certificati TR TS 010 e TR TS 012 e garantire l'utilizzo del vostro macchinario presso le imprese industriali di tutti i paesi dell'unione doganale (che comprende Russia, Kazakistan, Bielorussia, Armenia e Kirghizistan), compresi i siti produttivi ad alto rischio di esplosione. La nostra azienda russa potrà prestarvi l'assistenza nella realizzazione della documentazione tecnica delle pompe turbomolecolari, redatta secondo i requisiti previsti dagli standard vigenti in Russia e in altri paesi dell'unione doganale.

L’azienda OOO «Intech GmbH» (ООО «Интех ГмбХ») collabora in Russia con numerosi enti di progettazione operanti in diversi settori industriali, il che ci consente di effettuare la progettazione preliminare e i successivi lavori progettuali in conformità di quanto previsto dagli standard, le regole e le normative edili in vigore in Russia e negli altri paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) e di inserire le vostre pompe turbomolecolari nei progetti in fase di sviluppo.

La società dispone di un proprio reparto spedizioni che può provvedere all'imballaggio e alla spedizione della vostra merce alle condizioni DAP o DDP-magazzino dell'acquirente, nel pieno rispetto di tutte le disposizioni legislative e normative vigenti sul mercato russo.

La nostra azienda può contare sui propri specialisti qualificati che si prendono carico dei lavori di montaggio e di avviamento dei macchinari consegnati, prestano servizi di manutenzione delle pompe turbomolecolari sia nel periodo di garanzia sia in quello post-garanzia, provvedendo alla formazione del personale del cliente e offrono i relativi servizi di consulenza.

Breve descrizione delle pompe turbomolecolari

Il vuoto rappresenta lo spazio o il volume non riempito d’aria o di altro gas. Le condizioni ideali per il vuoto sono ottenibili esclusivamente nello spazio interstellare, mentre nelle condizioni di laboratorio oppure in quelle industriali il vuoto viene creato con pompe per vuoto. A seconda del tipo di utilizzo la qualità del vuoto deve rispondere a requisiti diversi e, quindi, durante il processo operativo i campi di appolicazione del vuoto si suddividono in vuoto basso, medio, alto e ultra e estremamente alto. Una delle macchine per la creazione di alto vuoto è la pompa turbomolecolare.

Sostanzialmente, le pompe turbomolecolari sono compressori che operano solo con un certo insieme di parametri, compresa la pressione d’esercizio ammissibile in ingresso e in uscita, il che significa che nelle condizioni operative la pressione d’ingresso e d’uscita deve essere inferiore ad un certo livello. Tali necessità richiedono l’impiego di una pompa secondaria che possa ridurre la pressione fino al livello necessario affinchè la pompa principale possa partire.

Non solo, ma occorre mantenere la pressione in uscita per garantire un funzionamento efficace della pompa principale, quando la pressione d‘ingresso è bassa. Tale effetto è ottenibile con una pompa di adescamento posta immediatamente a valle di quella principale. La pompa comprime il gas che corre verso l’ingresso, e all’uscita questo gas si concentra. In un sistema a vuoto il gas può trovarsi in stato viscoso, in stato molecolare, oppure in quello intermedio tra i primi due. Nel caso un sistema passi dalla pressione atmosferica all’alto vuoto, il gas nel sistema attraversa tutti questi stati.

La pompa turbomolecolare è nota da molti anni, e insieme alle pompe a diffusione rientra nella categoria delle pompe per spostamento rapido del fluido. Nelle turbopompe i gas si muovono nella direzione necessaria per l’interazione con superfici speciali adatte a garantire l’alta velocità di trasporto del fluido. Già nel 1912 l’ingegnere tedesco W. Gede stabilì la possibilità di pompare i gas usando questa tecnica. Non solo, ma per provare la sua teoria costruì una semplice pompa molecolare.

Le caratteristiche di velocità di questa pompa non erano notevoli a causa della tecnica di realizzazione dei componenti e dei cuscinetti che, a quell’epoca, limitavano la velocità di rotazione del rotore. L’altra ragione, per la quale la pompa di Gede non ebbe molta diffusione, stava nella necessità di rispettare certi giochi tra i componenti in movimento della pompa. La pompa turbomolecolare fu inventata dall’ingegnere tedesco W. Becker nel 1957. Da allora la pompa turbomolecolare ebbe un rapido sviluppo sia teorico che pratico: nel periodo tra il 1960 e il 1963 gli scienziati Kruger e Shapiro misero a punto le principali procedure di calcolo del rendimento della pompa e di ottimizzazione della geometria delle turbine.

Le pompe turbomolecolari si distinguono per il funzionamento affidabile, alto rendimento, pulizia, ma sono abbastanza costose.

Le pompe turbomolecolari rientrano nella categoria di pompe cinetiche a vuoto, la cui struttura è simile alla turbina, in quanto hanno un rotore multistadio analogo ad una turbina a dischi con palette che ruotano all’interno del corpo. Spesso il rotore viene eseguito in lega di alluminio altamente resistente, mentre la superficie interna ed esterna del rotore sono realizzate in modo tale da formare delle cavità a spirale che interagiscono con le superfici dello statore per garantire il pompaggio. In altri termini, le superfici interna ed esterna del rotore creano un lungo canale di pompaggio. La misura, la forma e le tolleranze delle cavità cambiano dall’ingresso verso l’uscita della pompa per garantire una compressione multistadio. Le pompe turbomolecolari di alta qualità rendono possibile un grado di compressione dell’azoto pari a 10-9. L’efficienza di pompaggio della macchina diminuisce con l’aumento del peso molecolare del gas trasportato.

Il rotore, il motore e i cuscinetti possono essere fonte di vibrazioni del sistema turbomolecolare per pompaggio. Il bilanciamento dinamico, invece, è in grado di ridurre lo squilibrio del rotore fino ad un livello piuttosto basso. In tal modo, infatti, si minimizzano le forze che si verificano a seguito della distribuzione eterogenea della massa lungo l’asse di rotazione.

Le vibrazioni provocate dal motore si formano in ragione dell'interazione dello statore e del rotore. Inoltre, le vibrazioni sono generate dalla sospensione e dai componenti in movimento del cuscinetto. Tuttavia, la vibrazione totale prodotta dal motore e dai cuscinetti risulta inferiore a quella generata a segiuito dello squilibrio del rotore. Le vibrazioni dai cuscinetti possono aumentare qualora quelli fossero difettosi o in caso di collegamento all’impianto di pompaggio del sistema. In quest’ultimo caso occorre provvedere all’addattamento della struttura del sistema cambiandone il peso e la rigidità oppure montando degli isolatori tra l’impianto di pompaggio e il sistema.

L’alta resistenza all’usura delle pompe turbomolecolari e la loro pulizia di funzionamento sono garantite da una struttura speciale della sospensione che è dotata di cuscinetti a sfere in ceramica con lubrificante solido. Le sfere vengono realizzate in nitruro di silicone, il che garantisce una serie di vantaggi.

Questi cuscinetti, infatti, sono due volte più rigidi rispetto ai loro analoghi in alluminio presentando, nello stesso tempo, un alto grado di stabilità, nonchè la pressione e il contatto minimo delle superfici. La rigidità della struttura dei cuscinetti incide, altresì, notevolmente sull’affidabilità e sulle prestazioni operative dei sistemi per pompaggio.

Il peso relativamente basso del materiale delle sfere e l’indice di densità (del 40% inferiore rispetto a quello dell’acciaio) riducono il carico e la tensione interna che si verifica a causa dell’effetto delle forze centrifughe. Il basso indice di attrito del materiale delle sfere ne rende più lunga la durata grazie alla stabilità superficiale dei componenti. Inoltre, il nitruro di silicone possiede un’alta resistenza alle temperature, mentre il tipo di lubrificante solido usato in questi cuscinetti favorisce il perfetto funzionamento della pompa escludendone la necessità di grossa manutenzione.

Principio di funzionamento

La struttura semplice della pompa turbomolecolare rappresenta un disco rotante con una schiera di palette montate. All’atto di rotazione del disco le palette esercitano un effetto sulle molecole di gas spostando l’energia meccanica dalle palette alle molecole che vengono spinte dal raccordo di entrata attraverso le cavità incise nello statore. Successivamente, il gas si comprime in stadi diversi fino ad arrivare alla bocca di iniezione, dalla quale viene evacuato per mezzo della pompa di adescamento.

Il gas arriva nella pompa tramite la bocchetta di aspirazione, si comprime in stadi diversi e viene alimentato alla pompa di adescamento. Le pompe turbomolecolari possono creare pressioni di prevuoto di circa 50 Pa durante carichi intensi di gas.

La pompa turbomolecolare si compone di palette rotanti e statiche poste su più livelli. Il pompaggio per mezzo del sistema che si compone di palette situate sul rotore e sullo statore è garantito tramite l’invio di impulsi dalle palette, che si ruotano ad alta velocità, alle molecole del gas trasportato. Le molecole si urtano contro la superficie, si accumulano e, nello stesso tempo, la velocità delle palette si aggiunge alla velocità termica molecolare.

La pompa può funzionare con una velocità del rotore nel campo di 24000-90000 giri al minuto e può essere messa in moto da varie fonti di alimentazione, di cui anche gruppi elettrogeni.

La velocità di funzionamento e il grado di compressione della pompa dipendono dalla geometria del rotore e dalla sua velocità. Strutturalmente, una pompa turbomolecolare può essere realizzata in esecuzione orizzontale o verticale.

All’atto di montaggio della pompa in posizione orizzontale la flangia in uscita viene orientata in giù per evitare l’accumulo di condense (vapore acqueo, vapore d’olio dal condotto di prevuoto) nella zona del cuscinetto ed evitarne il rischio di danneggiamento.

Vantaggi tradizionali delle pompe turbomolecolari
  • garantiscono vuoto ultra alto senza olio
  • possono trattare gas inerti e corrosivi
  • possono trasportare grossi volumi di gas
  • ampio campo di pressione di esercizio
  • rapido avviamento e assenza di problemi all’atto di brusco aumento della pressione
  • manutenzione semplice
  • buono trasporto di gas pesanti

Possibili difficoltà di utilizzo delle pompe turbomolecolari:

  • un piccolo squilibrio delle palette del rotore e dello statore potrebbe provocare vibrazioni e l’usura dei cuscinetti
  • uno sbalzo improvviso della pressione atmosferica potrebbe danneggiare le palette causando il danneggiamento della pompa
  • difficile lubrificazione del rotore di alta velocità
  • i cuscinetti lubrificati con grasso sono parte debole della pompa
Campi di applicazione

La tecnologia del vuoto si è sviluppata rapidamente grazie ad ampie possibilità di applicazione pratica. Tale tecnologia viene ampiamente usata in settori diversi: industria alimentare e medica, sintesi termonucleare, accelerazione delle particelle, industria spaziale, produzione di componenti elettronici, materiali industriali e semiconduttori. In vari campi della scienza e dell’industria, infatti, si ha bisogno non solo di alto vuoto, ma di vuoto puro senza miscele d’olio. Per questi motivi una pompa turbomolecolare ha una grossa importanza soprattutto in tre settori della tecnologia del vuoto: rivestimento di materiale di film sottili con il metodo di polverizzazione; fabbricazione di dispositivi a semiconduttori e produzione di sensori di perdite. Le pompe turbomolecolari trovano impiego nei settori legati alla fisica delle alte energie, nonchè negli studi e nelle ricerche relative al vuoto ultra e estremamente alto. Tutte le metodologie moderne di trattamento dei gas, dei fluidi e del plasma si imperniano sull’uso di spettrometri di massa e richiedono un’altezza adatta del vuoto. La produzione dell’alto vuoto serve anche nel caso della produzione di microscopi elettronici e di strumenti per analisi superficiale. Insomma, nel 90% delle tecnologie dell’alto vuoto la pompa turbomolecolare può essere usata con molto successo. Le pompe turbomolecolari possono creare vuoto puro nel campo da 10-3 a 10-10 mbar.

Nell’industria dei semiconduttori le pompe turbomolecolari vengono utilizzate per i seguenti processi:

  • decapaggio
  • nebulizzazione
  • impiantazione ionica
  • litografia, ecc

Questi campi di applicazione richiedono spesso il trasporto di gas aggressivi.

Manutenzione tecnica

Di solito le pompe turbomolecolari funzionano per anni non richiedendo molta manutenzione. Di regola, nelle pompe equipaggiate di decantatore d’olio e di sistema di circolazione è necessario cambiare l’olio ogni 6 mesi oppure quando acquisisce il colore marrone. Nelle turbopompe che usano lubrificante solido esso va cambiato ogni sei mesi. I cuscinetti nelle pompe turbomolecolari durano da due a tre anni. Tutti i lavori di manutenzione e di sostituzione dei cuscinetti e soprattutto i lavori di regolazione sul rotore ad alta velocità vanno effettuati da personale esperto e altamente qualificato.

Diventando il vostro distributore ufficiale di pompe turbomolecolari, l’azienda OOO «Intech GmbH» (ООО «Интех ГмбХ») individuerà gli acquirenti dei vostri prodotti sul mercato russo e svolgerà con i clienti le trattative tecnico-commerciali al fine di stipulare i contratti per la fornitura dei vostri macchinari.

Nel caso dello svolgimento di gare di appalto l’azienda raccoglie elabora tutti i documenti necessari per la partecipazione, stipula i contratti per la fornitura dei vostri macchinari provvede alla registrazione del contratto di fornitura e allo sdoganamento delle pompe turbomolecolari, registra presso le banche russe la documentazione prevista dal controllo valutario e necessario per poter effettuare i pagamenti in valuta estera.

All'occorrenza la nostra azienda è disposta a sviluppare anche i progetti per integrare il vostro macchinario con gli impianti già esistenti o con quelli in fase di realizzazione.

Siamo sicuri che la nostra azienda OOO «Intech GmbH» (ООО «Интех ГмбХ») potrà diventare il vostro partner e il vostro distributore in Russia affidabile, valido e qualificato.

Siamo sempre aperti alla collaborazione: continuiamo a crescere insieme!